lanzarote-paesaggio neufal54

LANZAROTE : l’isola sorprendete

Siamo in estate e finalmente anche in Italia ci godiamo il sole dopo un lungo e rigido inverno!

Ma il posto più soleggiato d’Europa, sapete qual è?  Sono le Isole Canarie, dove si possono avere più di 3000 ore di sole all’anno!!!

E di questo arcipelago spagnolo, posto al largo della costa dell’Africa Occidentale, LANZAROTE è quella più settentrionale e storicamente la più antica, vantando ben 180 milioni di anni.

 

aperitivo - Alf Altendorf

 

Queste isole, che gli antichi Romani chiamavano Islas Afortunadas, furono rinominate così, come scriveva Plinio il Vecchio, dopo che una spedizione inviata qui dal re della Mauritania aveva riferito di avere incontrato sulle isole una razza di cani feroci. Per questo da allora le chiamarono Isole Canarie (dal latino “canis”).

 

canary-islands-Falco

 

Oggi per fortuna a Lanzarote di cani feroci non c’è più traccia, ma non si incontrano nemmeno serpenti, scorpioni e tarantole, nonostante il clima e il territorio farebbero pensare che l’isola ne sia piena! E aspetto ancora più importante per noi italiani, qui sono molto rare le zanzare!

 

L’isola è invece legata all’Italia per un importante avvenimento: alcune fonti storiche ci raccontano infatti che il nome LANZAROTE deriverebbe da un marinaio genovese molto conosciuto, Lanceloto Malocello, sbarcato sull’isola nel XIV secolo. Successivamente, nel XV secolo, vi arrivarono anche i frati francescani che costruirono a Famara l’ Ermita de las Mercedes de Famara, l’eremo più antico dell’isola.

 

lanzarote chiesetta - neufal54

 

Isola di origine vulcanica, coi suoi paesaggi marziani, dai colori rosso metallico o bruno scuro, e le sue atmosfere extraterrestri, ha catturato la fantasia di vari registi, da Stanley Kubrik che vi girò alcune scene del film “2001 Odissea nello Spazio”, ad Almodovar che ambientò qui quasi completamente la seconda parte di “Gli abbracci spezzati”. E’ stata scelta come scenario anche per altri film, come “Moby Dick”, “Viaggio al centro della Terra” e “Doctor Who”.

 

spiaggia nera - Virgisanver

 

Per la sua luce particolare che splende sul mare blu, sulle case bianche, sulla lava nera e sul verde della vegetazione, è stata scelta negli ultimi anni anche come sfondo per i servizi fotografici delle campagne pubblicitarie moda mare di alcuni tra i più prestigiosi brand di moda.

 

mare cielo case - Эль Гольфо 4

 

Lanzarote è nota anche per la sua natura esotica sub tropicale, che cresce su questa terra apparentemente arida, ma in realtà adatta alla vegetazione spontanea e alle coltivazioni. I depositi vulcanici che ricoprono l’isola hanno infatti particolari proprietà fertilizzanti e permettono la crescita di cactus e molteplici altre specie di piante e arbusti.

 

vegetazione-POTIER Jean-Louis

 

vegetazione 2 - Nacho

 

Nei secoli i coltivatori, per sfruttare questa peculiarità, hanno scavato migliaia di piccoli crateri circolari, delimitati da muretti di pietra lavica come riparo dal vento (detti GERIE), e vi hanno piantato le viti, creando un paesaggio unico al mondo, che ha contribuito a giustificare la denominazione di Lanzarote come Riserva della Biosfera dall’Unesco.    Da queste viti viene prodotto il vino tipico dell’isola, un malvasia in versione semi dolce, caratterizzata da un leggero sapore amarognolo, detto di “picon”.  Si può apprezzare questo vino, girando per le varie cantine sparse sull’isola che offrono visite e degustazioni accompagnate sempre da ottime tapas.

 

la geria - POTIER Jean-Louis

 

Un’altra tappa imperdibile per ammirare il magico potere di questa  terra è il Jardin de Cactus, un singolare giardino di piante grasse, progettato da Cèsar Manrique, artista e architetto che ha segnato più di ogni altro l’isola delle Canarie, promuovendone la cultura paesaggistica ed ecologica e integrandola con l’arte in ogni sua forma.
Lo si visita in meno di un’ora, ma non ce lo si toglie più dalla memoria!                                                Ospita cactus provenienti da ogni parte del mondo (circa 1400 per 1000 specie differenti), disposti sapientemente su un terreno che è una costellazione di piccole cave. Si trova in località Guatiza, immerso in quella che un tempo era una cava abbandonata, circondata dalle coltivazioni di fico d’India e sotto la pittoresca presenza di un mulino a vento. Moltissimi altri musei e luoghi turistici progettati da Manrique possono riempire le giornate di chi è a Lanzarote, insieme ai bagni nelle fresche acque dell’Oceano e al relax su spiagge di sabbia fine e bianca o spiagge nere caratterizzate dalla presenza di rocce laviche.

 

cactus - Neufal54

 

jardin-de-cactus- Lapping

 

Per chi invece è sempre in movimento e per gli appassionati di sport di tutte le età, non c’è che l’imbarazzo della scelta: si può giocare a golf tra lava e cactus, esplorare spettacolari fondali marini con diving e snorkeling e praticare pesca d’altura, o avventurarsi con la bicicletta tra i numerosi percorsi creati appositamente lungo le colline dell’isola.

 

playa-del-papagayo-Lapping

 

bike - forbes

 

I campi da golf a Lanzarote sono pochi, ma situati, prevalentemente, in zone panoramiche, regalando percorsi unici e spettacolari, spesso con vista sull’Oceano Atlantico. I green di Lanzarote sono stati disegnati da alcuni tra i migliori specialisti del settore, che hanno saputo creare campi dalle caratteristiche insuperabili.

 

golf - jLasWilson

 

Ne è un esempio il Lanzarote Golf Resort, un nuovo green di 6 km, con un totale di 18 buche, realizzato per ospitare giocatori di qualsiasi livello e disegnato dallo statunitense Ron Kirby, (disegnatore ufficiale di Jack Nicklaus, considerato il più grande giocatore di golf di tutti i tempi), rispettando il territorio isolano al 100%. Si trova su una collina panoramica di Puerto del Carmen, e regala uno splendido panorama dell’ Atlantico, di Fuerteventura ed Arrecife.

Anche il Costa Teguise Golf, campo a 18 buche, situato ai piedi di un antico vulcano, si affaccia sull’Atlantico. Il percorso si dipana tra lava cristallizzata, cactus e palmeti. Disegnato nel 1978 da John Harris, il campo è armonico, ma vario, permettendo ai giocatori di utilizzare tutti i tipi di mazze e colpi.

La migliore offerta per chi, nel golf, è alle prime armi è il Pitch & Putt Hesperia: un campo semplice, a 9 buche, ospitato all’interno dell’hotel Hesperia Playa Dorada. Inaugurato nel 2005 e situato proprio sul mare, a Playa Blanca, il green regala una splendida vista della vicina Fuerteventura.

 

Di curiosità e particolarità, Lanzarote è ricca. E’ un’isola magica, che non finisce mai di stupire e far sognare.  Questi sono solo alcuni spunti…Per scoprirla veramente non resta che andarci di persona!

 

strada e panorama - domenico-gerardo

 

Chiamando NUOVA VITA potrete prenotare un VIAGGIO PROVA a Lanzarote e forse poi deciderete di non lasciarla più!

tel. 0444 – 028993

www.nuova-vita.com

 

lanzarote-fiore - Delzab

 

 

 

 

Condividi