cane_evidenza

COME PORTARE GLI ANIMALI DA COMPAGNIA IN VIAGGIO ALL’ESTERO CON VOI

 

I nostri animali domestici sono diventati ormai una vera parte integrante del nucleo familiare e quando i nostri clienti decidono per il trasferimento definitivo, come portare gli animali da compagnia all’estero è una delle prime domande che ci vengono rivolte. Abbiamo pensato di fornirvi una piccola guida con le linee generali da seguire che vi permetteranno di portare in viaggio con voi il vostro amico a quattro zampe.

PASSAPORTO EUROPEO PER CANI, GATTI O FURETTI

I regolamenti dell’Unione Europea prevedono che per viaggiare con i loro proprietari sia in Europa che al di fuori della comunità europea, cani, gatti e furetti siano muniti di un apposito documento di riconoscimento, il pet passport, che racchiude i dati anagrafici e sanitari del vostro animale domestico e quelli anagrafici del proprietario. Sul sito ufficiale del Ministero della Salute, potrete trovare tutte le informazioni sull’anagrafe per gli animali d’affezione e sul regolamento per l’inserimento del microchip, qualora i vostri pelosetti non ne fossero ancora dotati.
Per ottenere il passaporto è necessario rivolgersi all’Unità Territoriale Veterinaria UTV dell’ULSS, presentando:
▪ modulo attestante la prima iscrizione in anagrafe compilato dal veterinario
▪ eventuale vaccinazione antirabbica
▪ eventuale esito di titolazione anticorpale per la rabbia
▪ ricevuta di versamento
Se la richiesta non viene presentata dal proprietario stesso ma da un’altra persona, deve essere munita di modulo di delega, correttamente compilato.
Il costo della tassa da versare varia a seconda del Comune di residenza, ma si di solito si aggira tra gli 8 e i 15 euro, che si possono versare al proprio distretto sanitario tramite bonifico bancario o con versamento su bollettino postale.
Se la documentazione presentata è completa e i dati anagrafici sono correttamente aggiornati, il rilascio del pet passport è immediato ed ha validità per tutto il corso della vita dell’animale.

VACCINAZIONI OBBLIGATORIE PER CANI E GATTI QUANDO VIAGGIATE ALL’ESTERO

La vaccinazione per la rabbia è obbligatoria e deve essere effettuata almeno 21 giorni prima della partenza. Con il nuovo pet passport gli animali in viaggio per l’Europa devono avere almeno tre mesi di vita, momento in cui si può procedere con la vaccinazione antirabbica.
Quando portate il vostro animale domestico con voi inoltre, assicuratevi di avere sempre il libretto delle vaccinazioni compilato dal vostro veterinario, con i dati relativi alle vaccinazioni e la data in cui queste sono state effettuate.
Per quanto riguarda i gatti, è consigliata anche la vaccinazione tetravalente, che comprende anche quella contro la Felv, la leucemia felina. Sono facoltativi anche lo sverminamento o le procedure contro i parassiti esterni o interni del vostro animale da compagnia. Prima di affrontare un viaggio con fido e micio comunque, è buona norma far controllare il loro stato di salute dal vostro veterinario di fiducia, che eventualmente saprà consigliarvi anche dei tranquillanti o dei farmaci antivomito in caso il vostro animale abbia paura o soffra lo stress dei mezzi di trasporto.

 

gatto

 

VIAGGIARE CON ANIMALI DA COMPAGNIA IN AEREO O IN NAVE

Oggigiorno quasi tutte le compagnie aeree consentono il trasporto degli animali a bordo, anche se non esistono regole generali comuni che sono stabilite di volta in volta dalle diverse compagnie. Per questo motivo è consigliato informarsi preventivamente sulle regole vigenti presso la compagnia con la quale si intende viaggiare, contattandoli direttamente o consultando il loro sito web. L’animale deve comunque essere munito di trasportino che gli consenta di stare in posizione comoda, di girarsi e di potersi accucciare, garantendo anche un corretto scambio d’aria con l’esterno. Sul fondo del trasportino è consigliabile posizionare un telo o del materiale assorbente, guinzaglio e museruola non devono essere lasciati al suo interno.
Per quanto riguarda la Tunisia, non essendo un paese UE ha regole leggermente diverse. Al vostro arrivo al porto di Tunisi richiederanno ancora il certificato di buona salute che un tempo rilasciava l’ufficio veterinario della Asl, che ora non viene più rilasciato poiché sostituito dal passaporto dove è previsto un apposito spazio per la certificazione. Prima di partire quindi, è consigliato segnalare la questione al proprio veterinario.
Sulla nave il cane deve viaggiare nelle apposite gabbie, mentre con compagnie come la Cartaghe o la Habib solitamente viene consentito l’accesso dell’animale in cabina.
Per regolarizzare il vostro animale domestico in Tunisia, prima di uscire dal porto dovete recarvi dal veterinario che si trova nella prima fila di uffici appena sbarcati, sulla sinistra, che ritirerà il certificato internazionale e ne rilascerà un altro redatto da lui senza nessun costo aggiuntivo.

Condividi